TRAVOLTI DAI COMBATTIMENTI

31 maggio 2018

Migliaia di persone in Sud Sudan non hanno possibilità di raggiungere servizi di base come cibo, acqua e assistenza sanitaria. Dalla fine di aprile, le contee di Leer e Mayendit, nel nord del Sud Sudan, sono di nuovo state colpite dall’inasprirsi del conflitto e dei combattimenti.

Uomini, donne e bambini stanno sopportando livelli estremi di violenza, compresi stupri di massa e uccisioni. I villaggi sono stati saccheggiati e incendiati,  le strutture sanitarie sono state attaccate e le riserve di cibo e altri beni distrutti.

«Sono entrati nel villaggio alle sei del mattino, quando stavamo ancora dormendo. Ci siamo svegliati e abbiamo corso. Non abbiamo avuto il tempo di portare qualcosa con noi», spiega una madre di nove figli. «Li ho visti sparare alle persone. Mio figlio è stato colpito al petto da un proiettile. Hanno iniziato a bruciare le case, con le persone ancora dentro. La cosa peggiore di questi attacchi è il modo in cui distruggono tutto».

Gli scontri in corso hanno già costretto migliaia di persone a cercare rifugio dove possono nella foresta, nelle paludi e nelle isole con alcune persone costrette a spostarsi più volte a causa di ripetuti attacchi.

«Anche il villaggio dove ci siamo rifugiati per cercare assistenza medica è stato attaccato. È stato nuovamente attaccato dalle stesse persone», continua la madre. «Questa volta non abbiamo avuto la possibilità di scappare, quindi ci siamo nascosti stesi a terra. Non potevano trovarci. Quando è tornata la calma, siamo fuggiti nella boscaglia».

Sono ormai passate più di quattro settimane e le persone sono ancora senza accesso ad un rifugio, acqua pulita, cibo e scarso accesso alle cure mediche. Le condizioni di vita di coloro che sono fuggiti hanno messo le persone più vulnerabili, come i bambini e le donne incinte, a maggior rischio di contrarre malattie.

Inoltre, gli attacchi contro le strutture sanitarie stanno tagliando le comunità locali dall’assistenza medica che è evidentemente necessaria.

Gli attuali combattimenti nelle contee di Leer e Mayendit sono l’ultimo episodio della violenza spietata che ha imperversato nella zona per anni. La popolazione civile è stata presa di mira da tutte le parti in conflitto e costretta a una vita in fuga caratterizzata da un accesso limitato a ripari, cibo, acqua e assistenza medica salva-vita.

 

(fonte Reliefweb.int)

News dal Sud Sudan